L ‘ Ozonoterapi è nata all’inizio dello scorso secolo. Il suo benefico meccanismo d’azione si manifesta su diversi aspetti . Agisce aumentando la cessione di ossigeno da parte dei globuli rossi, migliorando la stasi venosa e linfatica, e riducendo l’ischemia  e soprattutto l’infiammazione dei tessuti. 

Svolge una sorta di ago puntura chimica, riducendo il dolore grazie alla liberazione di peptidi endogeni , cortisolo e endorfine . .

Sono quindi numerose le malattie che possono trarre beneficio da una corretta applicazione di tale metodica .

Malattie del sistema scheletrico: le ernie e le protrusioni discali a livello cervicale, dorsale e lombare, l’artrosi fra le articolazioni vertebrali (faccette articolari) e le degenerazioni delle articolazioni di ginocchio , spalla e anca , che, se non imponenti, possono essere curate.

Malattie da carente apporto di ossigeno: l’insufficienza arteriosa e venosa che può esitare nella formazione di ulcerazioni cutanee e/o da decubito, la maculopatia diabetica e maculopatia retinica degenerativa senile

Malattie croniche: le malattie reumatiche, le broncopneumopatie, le turbe neurologiche, la senescenza precoce, le malattie intestinali quali proctiti e coliti ecc

Tecnica di applicazione nelle malattie osteoarticolari:

  • Infiltrativa . Si inetta la miscela di ossigeno-ozono in sede para vertebrale , peri articolare o intra articolare . Si tratta di cicli di 8-12 sedute a cadenza bisettimanale inizialmente , poi monosettimanali . Può essere avvertita, al termine della iniezione , una sensazione di peso o bruciore , che dura al massimo un paio di minuti. Durata della manovra stimabile in 10 minuti . Al termine possono essere riprese le normali occupazioni.
  • sistemica . Consiste nella ossigeno – ozonizzazione del sangue . E’ una semplice tecnica che prevede il prelievo di una modica quantità di sangue , che viene prelevato in un circuito totalmente chiuso e sterile e ossigenato e ozonizzato , poi immediatamente reinfuso .. La durata della manovra si aggira sui 30 minuti . Al termine possono essere riprese le normali occupazioni .Sono previsti inizialmente incontri settimanali che , dopo il miglioramento diverranno mensili.
  • locale:Riguarda le ulcerazioni cutanee , arteriose , venose e diabetiche . La parte interessata viene detersa , disinfettata e posta in un sacchetto sterile che viene poi riempito di O2 -O3 . La manovra dura circa 60 minuti e può essere moderatamente dolorosa . Le sedute si programmano bisettimanali , fino a miglioramento clinico.

Controindicazioni : favismo , importanti cardiopatie , gravidanza , ipertireosi.

Effetti collaterali: unici effetti segnalati sono quelli legati alla dolenzia locale transitoria nella sede di iniezione .

Per concludere si può dire che la sicurezza e l’ottima efficacia terapeutica insieme all’assenza di complicanze hanno decretato il successo di questa metodica per questo è stata scelta nel nostro poliambulatorio come base per molti trattamenti antalgici.

Categorynovità

© 2018 - EM Digital +39 388 772 5449